Home Sistri
Sistri

sistro

Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) nasce su iniziativa del Ministero dell'Ambiente per permettere l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti speciali a livello nazionale e dei rifiuti urbani per la regione Campania.

La lotta alla illegalità nel settore dei rifiuti speciali costituisce una priorità del Governo per contrastare il proliferare di azioni e comportamenti non conformi alle regole esistenti e, in particolare, per mettere ordine a un sistema di rilevazione dei dati che sappia facilitare, tra l’altro, i compiti affidati alle autorità di controllo.

È questo il motivo per cui è stato realizzato il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti SISTRI, la cui gestione è stata affidata al Comando Carabinieri per la tutela dell’ambiente.

Nell’ottica di controllare in modo più puntuale la movimentazione dei rifiuti speciali lungo tutta la filiera, viene pienamente ricondotto nel SISTRI il trasporto intermodale e posta particolare attenzione alla fase finale di smaltimento dei rifiuti, con l’utilizzo di sistemi elettronici in grado di dare visibilità al flusso in entrata ed in uscita degli autoveicoli nelle discariche.

Il SISTRI costituisce, quindi, strumento ottimale di una nuova strategia volta a garantire un maggior controllo della movimentazione dei rifiuti speciali.

Con il SISTRI lo Stato intende dare, inoltre, un segnale forte di cambiamento nel modo di gestire il sistema informativo sulla movimentazione dei rifiuti speciali. Da un sistema cartaceo - imperniato sui tre documenti costituiti dal Formulario di identificazione dei rifiuti, Registro di carico e scarico, Modello unico di dichiarazione ambientale (MUD) - si passa a soluzioni tecnologiche avanzate in grado, da un lato, di semplificare le procedure e gli adempimenti con una riduzione dei costi sostenuti dalle imprese e, dall’altro, di gestire in modo innovativo e più efficiente, e in tempo reale, un processo complesso e variegato che comprende tutta la filiera dei rifiuti, con garanzie di maggiore trasparenza e conoscenza.

Chi è tenuto al SISTRI:

  • Acconciatori,
  • Estetiste,
  • Odontotecnici,
  • Falegnami,
  • Impiantisti,
  • Radiotecnici,
  • Antennisti,
  • Elettronici,
  • Meccanici,
  • Elettrauti,
  • Carrozzerie,
  • Lavanderie,
  • Fotografi,
  • Tipografi,
  • imprese produttrici di rifiuti pericolosi,
  • trasportatori c/proprio e c/terzi di rifiuti,
  • destinatari (impianti di recupero e smaltitori finali),
  • intermediari o commercianti di rifiuti

queste imprese sono tenute a iscriversi al SISTRI e dotarsi di computer, una linea internet, una chiavettausb”.

I trasportatori devono munirsi anche di una “black box” e di un computer da installarsi su ogni automezzo che effettua il trasporto di rifiuti.

L’iscrizione dovrà essere effettuata:

Entro il 29 aprile 2010 - per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi fino a 50 dipendenti - per i produttori iniziali di rifiuti non pericolosi con più di 10 dipendenti e fino a 50

L’entrata in vigore dall’obbligo d’iscrizione:

Per le aziende che dovranno iscriversi entro il 29.04.2010 l’avvio della operatività del SISTRI inizierà dal 12.08.2010

Casartigiani in convenzione con la Camera di Commercio di Salerno distribuirà delle chiavette USB alle imprese, garantendo con un apposito sportello consulenza e assistenza alle aziende impegnate nel nuovo e delicato adempimento INFO: 089.239888

PER MAGGIORI INFORMAZIONI VISITA IL SITO WWW.SISTRI.IT.